La Questione Europea

L’Osservatorio sulle proposte di riforme dell’Unione europea è un nuovo think tank che si propone di raccogliere le proposte di riforma istituzionale e alle modifiche nel rapporto fra Unione europea, Stati, autonomie locali, formazioni sociali. Collaborano all’Osservatorio diversi accademici che si impegnano a seguire il processo di riforma nei singoli settori; altri che reperiscono le proposte più significative avanzate a livello europeo o di singoli paesi; altri che seguono il dibattito e forniscono le loro osservazioni. L’Osservatorio è coordinato da Giampaolo Rossi, mentre la raccolta e l’elaborazione delle informazioni viene coordinata da Francesco Grassi.

LEGGI
Tag del post:

Il documento su “L’Unione europea possibile e necessaria: l’Europa a cerchi concentrici”, ha riscosso notevole successo anche nei più alti livelli italiani e dell’Unione europea. Per dar seguito alla ricerca è stato istituito un Osservatorio sulle proposte di riforma dell’Unione europea.

LEGGI
Tag del post:

La tesi qua proposta è che l’iniziativa dell’Unione europea si concentri su misure concrete che diano risultati rapidi, positivi e tangibili ai cittadini europei, dimostrando che l’Unione non è un orpello; ma, al contrario, una condizione essenziale per il loro benessere. E’ la prospettiva della legittimazione dell’UE “per risultati”, tanto ovvia quanto nei fatti negletta. Il testo del presente contributo è in corso di pubblicazione nel volume "Europa, sfida per l'Italia", a cura di M.Dassù, S. Micossi, R. Perissich, LUISS University Press, 2017.

LEGGI

La presentazione si è tenuta giovedì 23 marzo 2017 a Roma presso la sede dell’Università Maria SS. Assunta in Piazza delle Vaschette 101 (Aula 5) e in video collegamento con la sede di Palermo. Il progetto è presentato da Ridiam in collaborazione con la Fondazione Konrad Adenauer e l’Osservatorio Germania-Italia-Europa (OGIE)

LEGGI

Credo che il discorso sull’Unione Europea dovrebbe partire dai fatti che, almeno in apparenza, ne hanno determinato la crisi attuale (dal Brexit al successo dei partiti antieuropei, alle liti fra gli Stati membri che tendono a dividersi in gruppo coalizzati). Senza pretendere di rifondare l’intero sistema, dovremmo cercare risposte a quelle che appaiono le cause più evidenti della crisi.

LEGGI
error: Contenuto protetto