Riflessioni di Teoria Generale

Ringrazio gli organizzatori per la possibilità che mi offrono di celebrare uno dei miei Maestri con il quale ho condiviso periodi di intensa collaborazione nel Centro studi della Cisl e nella rivista Quaderni del pluralismo, e perché mi stimolano a riprendere la riflessione sugli enti pubblici associativi (“aspetti del rapporto fra gruppi sociali e pubblico potere”) pubblicato al n. 11 della biblioteca di diritto privato.

LEGGI

Il punto di partenza è noto. Si tratta della doppia strumentalità dell’organizzazione amministrativa: rispetto alla funzione («In principio sono le funzioni») e, per il tramite di questa, rispetto agli scopi e obiettivi che, nell’ordinamento italiano, la Costituzione prefigura come riferiti alla società o collettività generale. In breve una strumentalità in relazione agli interessi la cui cura la legge affida all’Amministrazione.

LEGGI

Il tema delle fattispecie miste pubblico-private, sul quale si è avviata la riflessione di ridiam.it, trova una applicazione emblematica nelle società a partecipazione pubblica. La recente approvazione del d.lg. 19 agosto 2016, “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica”, ha stimolato una ripresa della riflessione. Si è tenuto a Bari, il 21-22 ottobre 2016, un convegno dedicato a Luca Buttaro, dal titolo . Anche se, in linea generale, il blog non pubblica relazioni a convegni, è ora opportuno inserirvi la relazione di Giampaolo Rossi che collega l’analisi del testo unico alle tematiche generali già affrontate nel blog.

LEGGI

La frammentazione delle categorie giuridiche si manifesta in modo evidente nell’analisi delle fattispecie miste pubblico-private. Le risposte alle questioni che si pongono non si possono trovare con tesi semplificate come quella dell’avvento di un diritto globale o quella della fine del diritto pubblico. Applicando un corretto metodo scientifico si deve procedere all’analisi delle fattispecie, scomponendole nei diversi profili che le compongono, individuandone così gli elementi essenziali e le diverse gradazioni fra gli stessi. Si propone un “metodo essenziale e gradualista” e se ne segnalano varie applicazioni pratiche.

LEGGI
error: Contenuto protetto