[vc_row][vc_column width="1/2"][vc_column_text] CONDIVIDI [/vc_column_text][vc_column_text][shareaholic app="share_buttons" id="25262370"][/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][vc_column width="1/2"][vc_column_text] DOWNLOAD [/vc_column_text][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA LA LOCANDINA PROVVISORIA" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/Bozza-Provvisoria-Programma-Convegno-RQDA-19-febbraio-2020-PDF.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height="45px"][vc_column_text]Si tratta della terza fase del diritto dell’ambiente: superata la prima meramente oppositiva, è ora considerata acquisita la formula del c.d. sviluppo sostenibile. L’ipotesi è che anche questa formula vada superata e che sia già iniziata la fase nella quale il nuovo rilievo dell’interesse ambientale modifica anche l’assetto delle convenienze economiche e l’ambiente diventa uno stimolo a uno sviluppo di tipo diverso. Pubblichiamo ora in ridiam.it la bozza di programma del Convegno che la Rivista Quadrimestrale di Diritto dell’ambiente (rqda.it) ha promosso per il prossimo febbraio 2020.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][edgtf_separator position="left" color="#dbdbdb" border_style="dotted" width="100%" thickness="1" top_margin="10" bottom_margin="10"][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width="1/2"][vc_column_text] CONDIVIDI [/vc_column_text][vc_column_text][shareaholic app="share_buttons" id="25262370"][/vc_column_text][/vc_column][vc_column width="1/2"][vc_column_text] DOWNLOAD [/vc_column_text][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA LA LOCANDINA PROVVISORIA" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/Bozza-Provvisoria-Programma-Convegno-RQDA-19-febbraio-2020-PDF.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][/vc_column][/vc_row]

READ MORE

[vc_row][vc_column width="1/2"][vc_column_text] CONDIVIDI [/vc_column_text][vc_column_text][shareaholic app="share_buttons" id="25262370"][/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][vc_column width="1/2"][vc_column_text] DOWNLOAD [/vc_column_text][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA LOCANDINA CONVEGNO ``DIRITTO DELLA SOCIETA' LIQUIDA``" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/Locandina-9-ottobre-IL-DIRITTO-DELLA-SOCIETA-LIQUIDA.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA RELAZIONE" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/11-03-Pioggia-2.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA RELAZIONE" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/11-03-Marzuoli-1.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA RELAZIONE" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/11-03-Portaluri-1.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height="45px"][vc_column_text]Nei lavori dei sociologi si utilizza il concetto di “modernità o società liquida” per spiegare l’epoca contemporanea, caratterizzata dalla crisi del concetto di comunità e dalla mancanza di solidi punti di riferimento. La liquidità viene intesa come “convinzione che il cambiamento è l'unica cosa permanente e che l'incertezza è l'unica certezza” (Zygmut Bauman). La scienza giuridica ha percepito la novità ma o si è avventurata nel teorizzare un diritto amministrativo globale o ha continuato ad adottare gli schemi precedenti, ormai consumati. In un contesto frantumato e incerto, la risposta alle sfide della società liquida può essere invece quella di ricercare gli elementi di certezza, i più semplici ed essenziali, e le gradazioni tra gli stessi. Sul tema, si è svolto il 9 ottobre a Perugia un incontro nel quale Alessandra Pioggia, Carlo Marzuoli, Pierluigi Portaluri e Fulvio Cortese hanno svolto interessanti relazioni, partendo dai Saggi e scritti scelti di

READ MORE

[vc_row][vc_column width="1/2"][vc_column_text] CONDIVIDI [/vc_column_text][vc_column_text][shareaholic app="share_buttons" id="25262370"][/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][vc_column width="1/2"][vc_column_text] DOWNLOAD [/vc_column_text][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA IL COMMENTO" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/Università.-La-ripresa-della-progettazione-Giampaolo-Rossi-PDF.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA IL COMMENTO" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/Reclutamento_CUN_2019ott.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height="45px"][vc_column_text] Sono ormai lontani gli anni nei quali alcuni di noi, con grande impegno anche organizzativo, riuscirono a promuovere un nuovo assetto della docenza, con l’introduzione delle figure di associato e ricercatore (d.P.R. n. 382/1980). Da allora vi sono state solo alcune miniriforme fatte a metà: l’introduzione della idoneità con abolizione dei concorsi nazionali, la laurea breve, qualche ritocco sui ricercatori. I fondi per Università e ricerca sono progressivamente diminuiti. Si è aggravata l’attività organizzativa, con una moltiplicazione di adempimenti formali che finiscono per rendere l’espletamento dei compiti di direzione alternativo alla prosecuzione dell’attività di ricerca. Su questo tema troverete in ridiam.it una mia prima nota che ha l’unico scopo di riavviare il dibattito. Trovate in ridiam.it anche la proposta del CUN sulla docenza universitaria, che mi sembra del tutto inadeguata (a proposito, il CUN un esempio tipico di falsa partecipazione. Perché non chiedere che venga abolito ?!).[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][edgtf_separator position="left" color="#dbdbdb" border_style="dotted" width="100%" thickness="1" top_margin="10" bottom_margin="10"][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width="1/2"][vc_column_text] CONDIVIDI [/vc_column_text][vc_column_text][shareaholic app="share_buttons" id="25262370"][/vc_column_text][/vc_column][vc_column width="1/2"][vc_column_text] DOWNLOAD [/vc_column_text][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA IL COMMENTO" target="_blank" icon_pack="font_elegant" fe_icon="arrow_down" font_weight="" link="https://ridiam.it/wp-content/uploads/2019/11/Università.-La-ripresa-della-progettazione-Giampaolo-Rossi-PDF.pdf" color="#dd9933" hover_color="#10c9c3"][edgtf_button type="simple" size="" text="SCARICA

READ MORE

[vc_row][vc_column width="1/2"][vc_column_text] CONDIVIDI [/vc_column_text][vc_column_text][shareaholic app="share_buttons" id="25262370"][/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column][vc_column width="1/2"][vc_column_text] DOWNLOAD [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space height="45px"][vc_column_text]Riprendiamo dopo una lunga pausa, le iniziative di Ridiam.it Abbiamo pensato di avviare il dibattito su tre temi. Il primo è proprio quello dell’assetto della docenza universitaria e della organizzazione della didattica e della ricerca. Sono ormai lontani gli anni nei quali alcuni di noi, con grande impegno anche organizzativo, riuscirono a promuovere un nuovo assetto della docenza, con l’introduzione delle figure di associato e ricercatore (d.P.R. n. 382/1980). Da allora vi sono state solo alcune miniriforme fatte a metà: l’introduzione della idoneità con abolizione dei concorsi nazionali, la laurea breve, qualche ritocco sui ricercatori. I fondi per Università e ricerca sono progressivamente diminuiti. Si è aggravata l’attività organizzativa, con una moltiplicazione di adempimenti formali che finiscono per rendere l’espletamento dei compiti di direzione alternativo alla prosecuzione dell’attività di ricerca. Su questo tema troverete in ridiam.it una mia prima nota che ha l’unico scopo di riavviare il dibattito. Trovate in ridiam.it anche la proposta del CUN sulla docenza universitaria, che mi sembra del tutto inadeguata (a proposito, il CUN un esempio tipico di falsa partecipazione. Perché non chiedere che venga abolito ?!). Un secondo tema, di carattere scientifico, è quello che si potrebbe riassumere con la formula: Il diritto della società

READ MORE

Nel dibattito sul regionalismo differenziato si ripetono gli errori che si sono fatti nella riforma del Titolo V I principali sono 2: 1) le soluzioni adottate non hanno tenuto conto del problema essenziale: qualsiasi soluzione si adotti presuppone che si sia individuato un punto di equilibrio fra due esigenze opposte: quella dell’uguaglianza e quella della differenziazione accettabile (è chiaro che l’autonomia implica la possibilità di differenziarsi). 2) Non si è avuta consapevolezza del fatto che il tema del rapporto Stato- Regioni va contestualizzato nell’assetto complessivo dei pubblici poteri.

READ MORE

“Introduzione al convegno di presentazione dei Saggi e scritti scelti di Giampaolo Rossi” Pasquale de Lise Sono lieto di trovarmi qui, a Palazzo Spada, in questa magnifica Sala di Pompeo, nella quale sono entrato per la prima volta circa cinquanta anni fa da referendario, che ho a lungo frequentato e di ritornarvi in questa occasione: la presentazione degli scritti di un caro amico e di un illustre personaggio, il Professore Emerito dell’Università di Roma Tre, Giampaolo Rossi, cui vanno rivolte le più vive felicitazioni per la recente nomina a professore onorario dell’Università di Pechino, presentazione alla quale interverranno studiosi di rango molto elevato e di diverse nazionalità.

READ MORE

La nuova finalità dell’Unione Europea è quella di fare in modo che gli Stati che la compongono possano ancora, attraverso di essa, aver voce nel contesto mondiale e tutelare le proprie popolazioni nei bisogni che da soli non riuscirebbero a soddisfare. Ciò posto, l’assetto delle istituzioni europee attualmente vigente mostra delle evidenti carenze strutturali. L’ordinamento europeo risente in modo marcato della sua finalità originaria di dirimere i conflitti fra gli Stati membri ed è restato quindi chiuso, rivolto essenzialmente verso se stesso. Si è creato un disallineamento tra il potere e le responsabilità: il primo è suddiviso fra Unione Europea e Stati, mentre solo su questi grava la responsabilità di rispondere alla domanda sociale. L’Unione Europea appare come una automobile alla quale manca una ruota. Non si tratta di un meccanismo realizzato in parte che richiede solo di essere ulteriormente perfezionato: c’è uno squilibrio fra alcune parti ben funzionanti e altre che mancano.

READ MORE

In questo breve scritto vorrei proporre alcune riflessioni da economista studioso dei processi innovativi, che nell’epoca odierna sono estremamente complessi e presentano aspetti sui quali vale la pena riflettere ai fini delle dinamiche di produzione di norme, leggi e istituzioni. Non a caso un economista Premio Nobel, Douglas North, è famoso per la sua teoria evolutiva delle Istituzioni.

READ MORE

Una recente pronuncia del TAR Toscana (Sez. I, n.186/2018), inerente il conflitto di interessi nelle procedure selettive pubbliche, in particolare nelle procedure di reclutamento delle Università, offre un’utile occasione per riflessioni più generali che, muovendo da temi cari alla filosofia del diritto (“Linguaggio e diritto” in F. GENTILE), inducono a calare la tematica del “discorso normativo e l’interpretazione” in una dimensione rinnovata dalla logica di risultato, che informa il diritto amministrativo sia sostanziale sia processuale

READ MORE

Il seminario di Firenze del 6 giugno scorso sulla complessità amministrativa ha confermato l’utilità della riflessione avviata e la necessità di approfondire il tema. Riteniamo opportuno, quindi, proseguire la ricerca attraverso l’analisi di una serie di casi concreti che possono riguardare o l’insieme dei provvedimenti e delle attività che devono essere poste in essere da un ufficio o alcuni specifici procedimenti (come quelli connessi all’avvio dell’esercizio di attività economiche, o alle licenze edilizie, o alla costruzione di opere pubbliche, o alla ricostruzione dopo eventi calamitosi o altre ancora).

READ MORE
error: Contenuto protetto